Google+ Il Giullare Cantastorie - Scrittori, artisti e band emergenti: Giullare News: Orso bruno, sbrana 5 mucche sull'Altopiano dell'Asiago - Lucia Borrello

venerdì 27 giugno 2014

Giullare News: Orso bruno, sbrana 5 mucche sull'Altopiano dell'Asiago - Lucia Borrello

Il carnefice fa strage di animali e ne lascia altri agonizzanti o in preda al panico

Nell'Altopiano dell'Asiago, lunedì notte avvistato nuovamente un orso bruno, che in due settimane ha sbranato 5 mucche, lasciandone altre agonizzanti, per poi tornare più tardi a completare il suo pasto. L'orso bruno è un animale prevalentemente notturno e solitario, è onnivoro e si nutre di prodotti vegetali, pesci, insetti e di piccoli mammiferi, ma quando è veramente affamato va in cerca di cibo arrivando persino ad avvicinarsi alle zone abitate, avventurandosi all'interno delle stalle dimora del bestiame d'allevamento situate nei pressi del suo habitat naturale. Qualche notte fa è successo proprio questo. Il carnefice (così è stato definito l'orso, un maschio di circa 3 anni che pesa attorno a 1 quintale e mezzo) è ritornato a terrorizzare gli agricoltori e allevatori della zona.

In questi giorni le categorie degli allevatori si sono fatte sentire, chiedendo alla regione di far fronte ai danni subiti agli allevamenti e di garantire mobilità e tempi certi, per difendere i capi di bestiame. Il presidente regionale della Commissione Bilancio, Costantino Toniolo (Ncd), a preso incarico di presentare un interrogazione alla Giunta in merito al caso.

Il problema, però non è di facile soluzione, come spiega l'assessore alla Caccia, Daniele Stiva, visto che l'orso è una specie altamente protetta dall'Unione Europea e non può essere abbattuto. Il Corpo Forestale dello Stato e il Corpo di Polizia Provinciale, hanno già formato squadre di emergenza e stanno collocando sul territorio un sistema di segnalazione e una rete elettrificata per circoscrivere la zona, rendendo più problematico l'avanzamento e nuovi attacchi notturni da parte degli orsi.

Lucia Borrello

Link utili: