Google+ Il Giullare Cantastorie - Scrittori, artisti e band emergenti: Il mio fiume - Leonardo Pisani

lunedì 7 luglio 2014

Il mio fiume - Leonardo Pisani

Sono seduto sulle rive
Del mio fiume, quieto
Testimone dei miei avi
Di quello ora sono,
di quello che fui.

Aspetterò solitario
Un messaggio dei tempi
Passati, dei giorni che vivrò.

Angelo, messaggero, voce,
pur flebile, donami speranza.
La sua mancanza mi strugge
Come morte foglie d’autunno.

Aspetterò solitario,
cantando ballate osche,
piangendo lacrime d’oro
mentre la vita scorre.

La vita scorre come il fiume
Lento fra sassi e morti rami,
ma sorgente di vita, rifugio
di verdi soavi raganelle,
di armoniose libellule.

Aspetterò solitario,
Con ilo mio flauto
Suonando le dissonanze
Che una fata mi insegnò,
scolpendo sacre armonie
che una dolce strega mi insegnò.

Il tempo non è ancora
Passato invano, mai invano
Ed io aspetterò la sua voce
Mentre il mio fiume eterno
Scorre, scorre verso il mare.


Leonardo Pisani